EN
FESTIVAL INTERNAZIONALE DI CINEMA DAL 1980
27 NOVEMBRE - 6 DICEMBRE 2020
CONCORSO
 >
2020 2019 2018 2017

Paris est une fête

Sabato 9 dicembre

SPAZIO OBERDAN

21.30 - CONCORSO INTERNAZIONALE

alla presenza dell'autore

 

Francia, 2017
DV, colore e b/n, 95'
V.O. Francese

REGIA 
Sylvain George

FOTOGRAFIA
Sylvain George

SUONO
Ivan Gariel 

MONTAGGIO
Sylvain George

PRODUZIONE
Noir Production 

DISTRBUZIONE
distribution@zeugma-films.fr

CONTATTI
distribution@zeugma-films.fr
noirproduction.distribution@
gmail.com

Prima italiana

Paris est une fête

Girato quasi esclusivamente di notte, a Parigi e nella vicina banlieue (con una parentesi a New York), tra il 2015 e il 2016, Paris est une fête richiama il titolo del testo omonimo di Ernest Hemingway (Festa mobile nella tradizione italiana). È un film in diciotto onde (così recita il sottotitolo: Un film en 18 vagues), quelle che si frangono, impetuose, contro il paesaggio urbano della capitale francese: i migranti invisibili che sopravvivono ai margini della scena, le manifestazioni del movimento “Nuit Debout”, gli attentati, lo stato d’emergenza... Il presente è un mare in burrasca, per ritrarlo bisogna immergersi e il regista affronta l'impresa creando un linguaggio che si definisce nel suo farsi, capace di dar forma a un'immagine del reale che è allo stesso tempo la realtà di un'immagine. 

Sylvain George (Vaulx-en-Velin, Francia, 1968) è un cineasta e un attivista politico. Dopo gli studi in filosofia ha realizzato film-saggio poetici, politici e sperimentali, principalmente sull'immigrazione. Nel 2005 esordisce con leprime due parti della serie Contrefeux, riunite in un documentario intitolato Contrefeux 1 et 2: Comment briser les consciences? Frapper!, cui seguono Contrefeux 3: Europe année 06 (Fragments Ceuta)e Contrefeux 4: Un homme ideal (Fragments K). Tra il 2005 e il 2008 gira i cortometraggi No Bordere N'entre pas sans violence dans la nuit. Nel 2009 partecipa al Festival di Torino con L'impossible - Pages arrachées. Torna a Torino nel 2010 con Qu'ils reposent en revolte (Des figures de guerres). Nel2011 Les Éclats (ma gueule, ma révolte, mon nom) vince a Filmmaker Festival e gli vale il Premio per il miglior documentario internazionale al Torino Film Festival. Da sempre impegnato nell’insegnamento, nel 2011 ha tenuto un corso a La Femis e nel 2013 un workshop di regia organizzato dal Milano Film Network dal titolo Seize the time.

SEZIONI
 >
2020 2019 2018 2017
CONCORSO CONCORSO FILM D'APERTURA FILM D'APERTURA FILM DI CHIUSURA FILM DI CHIUSURA
PROSPETTIVE PROSPETTIVE FRANCESCO BALLO FRANCESCO BALLO FUORI CONCORSO FUORI CONCORSO
FUORI FORMATO FUORI FORMATO ALAIN CAVALIER ALAIN CAVALIER SOGNI E INCUBI SOGNI E INCUBI
RIVOLUZIONI RIVOLUZIONI ALBERTO GRIFI ALBERTO GRIFI MODERNS MODERNS