Cookie Consent by Privacy Policies Generator website FilmMakerFest - TARA di Volker Sattel, Francesca Bertin
FESTIVAL INTERNAZIONALE DI CINEMA DAL 1980
18 NOVEMBRE - 28 NOVEMBRE 2022
EN
CONCORSO
 >
2022 2021 2020 2019
TARA di Volker Sattel, Francesca Bertin
 
CINETECA MILANO ARLECCHINO
ore 19.00
alla presenza degli autori
 


prima italiana
 
Germania, Italia, 2022
4K, Colore, 86'
V.O. Italiano

REGIA
Volker Sattel,
Francesca Bertin

SCENEGGIATURA
Volker Sattel
 
FOTOGRAFIA
Volker Sattel,
Thilo Schmidt
 
MONTAGGIO
Bettina Blickwede
 
SUONO
Filipp Forberg,
Tim Elzer,
Francesca Bertin
 
PRODUZIONE
fufifilm
 
PRODUTTORE
Volker Sattel

CONTATTI
info@tara-film.com

 

TARA di Volker Sattel, Francesca Bertin
Sacro e profano sono inestricabilmente intrecciati sulle rive del Tara, torrente che scorre a pochi metri dall’Ilva di Taranto. Una comunità si incontra quotidianamente intorno alle acque ritenute taumaturgiche. Tante storie si raccontano sui loro poteri benefici, ma le misurazioni scientifiche non la pensano così, il fiume è inquinato così come tutto il territorio che circonda la fabbrica. A chi credere? All’esperienza empirica tramandata nel tempo, o ai valori raccolti dagli organismi di salvaguardia del luogo? Questo è solamente uno dei molti contrasti che Sattel e Bertin ci spingono ad esplorare, allargando gradualmente il campo dall’epicentro-fabbrica alla città, ai suoi quartieri popolari, all’umanità fragile che li abita. Le costruzioni antiche, le campagne, i rituali di capodanno ci parlano di una dimensione temporale perduta altrove, che continua a vivere a Taranto accanto al sogno ormai in frantumi della modernità rappresentato dall’Ilva. In questo andirivieni ascoltiamo le parole di chi cerca di rifarsi una vita dopo gli anni passati a respirare sostanze nocive, per poi tornare lungo il Tara, a contatto con quella che può sembrare ingenuità, ma che è in realtà la resistenza tenace di un senso possibile del mondo. In questo viaggio che è quasi un’inchiesta etnografica, i due registi non perdono la sensibilità per l’immagine, in particolare per gli elementi - naturali ed artificiali. Eccoci allora nelle profondità del fiume, cercando di carpire i suoi poteri nei colori cangianti che la luce mostra; eccoci nel ventre della fabbrica, dove la produzione dell’acciaio prende tinte da inferno sulla Terra. È ancora possibile un equilibrio tra esseri umani e natura? A Taranto è stato negato per molto tempo, ma qualcosa poi germoglia sempre di nuovo. (Lucrezia Ercolani)

Volker Sattel (Speyer am Rhein, 1970), ha studiato alla Baden-Württemberg Film Academy. Ha diretto mediometraggi e lungometraggi tra cui Enterprise Paradise (2003), Under control (2011), Beyond Metabolism (2014), proiettati e premiati in vari festival internazionali (Berlinale, Viennale, Lo schermo dell’arte). È stato il direttore della fotografia dei film di Stephan Geene (For Free, 2014), Philip Scheffner (Europa, 2021) e degli artisti Olaf Nicolai e Kerstin Cmelka.
 
Francesca Bertin (Castelfranco Veneto, 1985), ha conseguito un master in Film presso l'Academy of Fine Art di Amburgo e un master in Legge all'Università di Trento. Il suo approccio al documentario si nutre di una sensibilità per l’architettura e il mondo dell’arte. Tra i suoi film, proiettati e premiati in vari festival internazionali, L’arteficio (2020), Il giardino (2018) e Hinter dem Wald (2015). Fa parte del comitato di selezione del festival Dokumentarfilmwoche di Amburgo. Tara è la seconda collaborazione tra i due registi dopo La Cupola (2016).
 

SEZIONI
 >
2022 2021 2020 2019