EN
FESTIVAL INTERNAZIONALE DI CINEMA DAL 1980
12 NOVEMBRE - 21 NOVEMBRE 2021
AMOS VOGEL
 >
2021 2020 2019 2018

II. I MISTERI DELL'ORGANISMO

giovedì 18 novembre

ARCOBALENO FILM CENTER
ore 17.30

II. I MISTERI DELL'ORGANISMO
GLENS FALLS SEQUENCE 
Douglass Crockwell
1937-46, 16mm > HD, colore, silenzioso, 12'
 
Animazione a colori dipinta su vetro. Un film non oggettuale, principalmente dedicato all'espressione intuitiva dell'artista nel gioco e nella casualità del proprio medium. La fluidità dell'immaginario lascia aperta a ognuno la propria interpretazione. (Cinema 16)
 
KIRSA NICHOLINA
Gunvor Nelson
1969, 16mm, colore, sonoro, 16'
 
Che Gunvor Nelson sia tra le piu` dotate dei nuovi umanisti cinematografici, lo rivela questo solo apparentemente semplice studio sulla nascita in casa della bambina di una coppia appartenente alla “controcultura”. Quasi un manifesto della nuova sensibilita`, è una orgogliosa affermazione dell’uomo tra tecnologia, genocidio e distruzione ecologica. La nascita è presentata non come una asettica esperienza “medica”, ma come la realizzazione vivente di un mistero primitivo, una celebrazione spirituale, un rito di passaggio. […] Con marito e amici quietamente presenti, la donna giovane e bella, in accappatoio e calzini rossi, e` praticamente nuda per tutto il tempo; il corpo intero e` sempre esposto alla vista e per una volta si conserva la continuita` fra partner sessuale e colei che da` la vita; la donna rimane “erotica”, non dimentichiamo neanche per un istante che e` una donna e che la nuova vita nasce dal desiderio sessuale. (Cinema come arte sovversiva)
 
STUDIE II: HALLUCINATIONER (Study n. II: Hallucinations)
Peter Weiss
1952, 16mm, b/n, sonoro, 5' 19''
 
Il famoso autore di “Marat-Sade" in uno dei suoi primi film d'avanguardia, mostra dodici tableaux erotici e subcoscienti visualizzati nel crepuscolo tra veglia e sonno. La macabra azione denota il sesso, ma non del tutto: l'angolo visuale sembra “sbagliato", l'intensita` torva denota orgasmo o collera. (Cinema come arte sovversiva)
 
FIREWORKS
Kenneth Anger
1947, 16mm, b/n, sonoro, 14’
 
Un classico degli esordi del cinema omosessuale e forse uno dei piu` famosi film americani d’avanguardia. Un episodio dolorosamente onesto, profondamente sentito, di omosessualita` sado-masochista, sperimentato come un incubo notturno o un sogno-desiderio in cui il protagonista (interpretato da Anger) viene brutalmente assalito e sventrato da un gruppo di marinai. Nell’ultima scena, egli apre la patta dei pantaloni e “illumina” il suo pene che esplode in fuochi d’artificio. Intensita`, sofferenza e immaginazione poetica trasformano gli elementi autobiografici in arte. (Cinema come arte sovversiva)
 
LE SANG DES BÊTES (The Blood fo the Beasts)
Georges Franju
1949, 35mm > 16mm, b/n, sonoro, 22‘
 
Questo film sui macelli di Parigi e` uno dei piu` grandi capolavori del cinema sovversivo. Per la prima volta, siamo di fronte alla morte e non siamo né protetti né ingannati. […] La violenza qui non e` ne` illusoria ne` eccitante, e` massiccia e reale. Un senso quasi di sogno permea l’intenso realismo delle immagini; in questo film anti-borghese, si puo` anche cogliere un intento surrealista — simile all’incisione della pupilla nel film di Bunuel Un Chien Andalou. Ma la pupilla, anche se shoccante, era finta: Le sang des be`tes e` vero. Obbligandoci ad assistere alla morte penosa e sordida di un altro essere, in tutta la sua dettagliata enormita`, esso sovverte il nostro abituale stato di coscienza e ci apre a una maggiore penetrazione. Franju, artista impegnato, combattente della resistenza, moralista, vuole obbligarci a prendere in considerazione tutti i macelli, in qualunque luogo commessi per conto nostro, da coloro che assumiamo per fare il nostro sporco lavoro, in modo che possiamo sederci davanti a una linda tovaglia misconoscendo la nostra complicita`. (Cinema come arte sovversiva.
 
SCENES FROM UNDER CHILDHOOD – SECTION I
Stan Brakahge
1967, 16mm, colore, silenzioso, 24'
 
Una visualizzazione del mondo interiore degli esordi fetali, l'infante, il bebè, il bambino – una distruzione dei “miti dell'infanzia” attraverso la rivelazione degli estrami di terrore violento e gioia soverchiante di quel mondo, oscurato per gran parte degli adulti dal loro ricordo sentimentale... Una “poesia tonale” per l'occhio –  ispirata alla musica di Olivier Messiaen. (Stan Brakhage)
 
SEZIONI
 >
2021 2020 2019 2018
FILM DI APERTURA FILM DI APERTURA CONCORSO CONCORSO PROSPETTIVE PROSPETTIVE
FUORI CONCORSO FUORI CONCORSO AMOS VOGEL AMOS VOGEL TEATRO SCONFINATO TEATRO SCONFINATO
EUROPA 2021 EUROPA 2021 FILMMAKER OVER FILMMAKER OVER FILM DI CHIUSURA FILM DI CHIUSURA