EN
FESTIVAL INTERNAZIONALE DI CINEMA DAL 1980
12 NOVEMBRE - 21 NOVEMBRE 2021
CONCORSO
 >
2021 2020 2019 2018

HERR BACHMANN UND SEINE KLASSE by Maria Speth

 
CINEMA BELTRADE
ore 19.30
 
prima italiana

in collaborazione con il
Goethe-Institut Mailand
 
Germania 2021,
HD, Colore, 217'
v.o. Tedesco
 
REGIA:
Maria Speth
 
SCENEGGIATURA:
Maria Speth,
Reinhold Vorschneider
 
FOTOGRAFIA:
Reinhold Vorschneider
 
SUONO:
Olivier Göbel
 
MONTAGGIO:
Maria Speth
 
PRODUTTRICE:
Maria Speth
 
CONTATTI:
info@wantedcinema.eu
 
HERR BACHMANN UND SEINE KLASSE by Maria Speth
Il signor Bachmann che dà il titolo al film è un insegnante che incontriamo insieme alla sua classe, la 6B della George Büchner, l'ultima prima del passaggio alle superiori. Siamo a Stadtallendorf, città industriale di immigrazione operaia, prima italiana e greca, poi turca e di molti altri Paesi. Nel corso di un anno scolastico assistiamo alle lezioni, scopriamo i metodi di Bachmann ma soprattutto la sua capacità di costruire giorno dopo giorno con i ragazzi un sentimento di comunità che dallo spazio ristretto di quelle mura può arrivare all’esterno, nella loro realtà familiare, sociale, di futuro.
Con in testa l’inseparabile zuccotto, l'insegnante appare subito come una figura speciale: ironico, empatico, sensibile ascoltatore, nell’insegnamento utilizza strumenti diversi; ai ragazzi al mattino permette di dormire qualche minuto ancora appoggiando la testa sui banchi e quando non comprendono il significato di una parola utilizza i suoni musicali per spiegarglielo. Li lascia liberi di discutere, è attento al racconto dei loro problemi, si mette in gioco senza però mai dimenticare il proprio ruolo: lui è l’insegnante, loro gli studenti, questa cosa è chiara e definita permettendo un’amicalità profonda che altrimenti sarebbe impossibile. 
La sua classe rispecchia la città, unisce ragazzi che arrivano da molti luoghi, culture e religioni, Bulgaria, Italia, Brasile, Marocco, Russia, Turchia: ognuno con sé porta la propria educazione, e anche i propri pregiudizi, molti parlano poco il tedesco. Come incontrarsi? Cosa insegnare?  
È su questo che lavora Bachmann – e con lui la regista nel film – perché ciascuno all’interno della classe (e fuori) riesca a trovare un suo spazio e fiducia in sé. «Questi voti non siete voi» dirà ai ragazzi l’ultimo giorno. Hanno attraversato insieme quasi un’epopea, hanno riso, pianto, discusso, si sono incontrati imparando il rispetto reciproco e di sé: un’inclusione reale da cui partire.

Maria Speth (Titting, 1967), dopo gli studi di cinema alla Konrad Wolf  di Potsdam-Babelsberg, lavora come assistente al montaggio e alla regia. Il suo primo corto, Barfuss (1999) vince il festival di Oberhausen. Esordisce nel lungometraggio con il pluripremiato The Days Between (2001), il racconto di una donna in un momento di passaggio della vita, a cui segue Madonnas (2007), che conferma la predilezione per le figure femminili protagoniste principali del suo cinema. 9 Lives (2010) è il suo primo documentario. Daughters (2014) viene premiato al Forum di Berlino. Herr Bachmann und seine Klasse ha vinto l'Orso d'argento alla Berlinale 2021.
 
 
SEZIONI
 >
2021 2020 2019 2018
FILM DI APERTURA FILM DI APERTURA CONCORSO CONCORSO PROSPETTIVE PROSPETTIVE
FUORI CONCORSO FUORI CONCORSO AMOS VOGEL AMOS VOGEL TEATRO SCONFINATO TEATRO SCONFINATO
EUROPA 2021 EUROPA 2021 FILMMAKER OVER FILMMAKER OVER FILM DI CHIUSURA FILM DI CHIUSURA