EN
FESTIVAL INTERNAZIONALE DI CINEMA DAL 1980
12 NOVEMBRE - 21 NOVEMBRE 2021
CONCORSO
 >
2021 2020 2019 2018

HOW DO YOU MEASURE A YEAR? di Jay Rosenblatt

 
CINEMA BELTRADE 
ore 19.30
 
prima italiana
 
Usa, 2021,
HD, colore, 29'
v.o. Inglese
 
REGIA:
Jay Rosenblatt
 
SCENEGGIATURA:
Jay Rosenblatt
 
FOTOGRAFIA:
Thomas Logoreci,
Jay Rosenblatt
 
SUONO:
Dan Olmsted
 
MONTAGGIO:
Jay Rosenblatt
 
PRODUTTORE:
Jay Rosenblatt
 
CONTATTI:
jay@jayrosenblattfilms.com
 
HOW DO YOU MEASURE A YEAR? di Jay Rosenblatt
Da quando sua figlia Ella ha compiuto due anni il regista la coinvolge in un gioco, quasi un rituale che si svolgerà periodicamente il giorno del suo compleanno: seduta su un divano Ella deve rispondere alle domande del padre, sempre le stesse, mentre lui la filma. Non sappiamo né vediamo cosa è accaduto nel frattempo né quanto c'è intorno, solo Ella che si muove nell'inquadratura. Eppure questo “frame” di spazio e di tempo racchiude infiniti racconti possibili. A ogni nuovo appuntamento scopriamo una Ella differente, che dalla bimba con gli occhioni azzurri e i boccoli biondi dei primi anni ci svela la ragazza alle prese con gli interrogativi sul futuro.  
Sorpresa con innocenza la prima volta – «cosa dici della relazione tra me e te» le chiede il padre, «è bella» risponde lei – crescendo si fa un po' più vezzosa e piano piano si accorda a quella stravagante festa di compleanno; confida alla macchina da presa la passione per i lollipop e il sogno di diventare cantante; un po' si ritrae, sfugge, poi torna, divaga, si mette in posa. I capelli si fanno più scuri e lunghi, le magliettine rosa dell'infanzia sono state sostituite da abiti neri; il volto nei giorni dell'adolescenza è affilato, lei appare spaventata e più fragile, poi torna sicura, scopre il mondo, l'impegno, l'ecologia. Le trasformazioni fisiche restituiscono il flusso del tempo – della vita, del cinema – componendo la trama di un sentimento profondo che riguarda i cambiamenti, che ci dice lo spavento di ciascuno nel mondo davanti all' idea di crescere e soprattutto restituisce il rapporto tra un padre e una figlia con commuovente dolcezza.
 
Jay Rosenblatt (New York, 1965) è un filmmaker e artista indipendente la cui opera è stata presentata in molti festival internazionali tra cui Sundance, Festival di Rotterdam, Locarno Film Festival e in istituzioni come il MoMa e il Film Forum di New York. Con l'uso di  found footage, materiali d'archivio, home movies, dal primo cortometraggio in bianco e nero, Doubt (1981) la sua ricerca si concentra su nuclei emotivi, esplorando stati d'animo universali come il lutto (Phantom Limb, 2005), le conseguenze dell'autoritarismo e del potere (Human Remains, 1998), il rapporto tra la paternità e fare film (I Used to Be a Filmmaker, 2005).

GUARDA IL TRAILER
SEZIONI
 >
2021 2020 2019 2018
FILM DI APERTURA FILM DI APERTURA CONCORSO CONCORSO PROSPETTIVE PROSPETTIVE
FUORI CONCORSO FUORI CONCORSO AMOS VOGEL AMOS VOGEL TEATRO SCONFINATO TEATRO SCONFINATO
EUROPA 2021 EUROPA 2021 FILMMAKER OVER FILMMAKER OVER FILM DI CHIUSURA FILM DI CHIUSURA