EN
FESTIVAL INTERNAZIONALE DI CINEMA DAL 1980
12 NOVEMBRE - 21 NOVEMBRE 2021
CONCORSO
 >
2021 2020 2019 2018

ZINDER di Aicha Macky

 
CINEMA BELTRADE
ore 19.30
 
prima italiana
 
Francia, Niger, Germania, 2021
HD, colore, 82'
v.o. Hausa
 
REGIA:
Aicha Macky
 
SCENEGGIATURA:
Aicha Macky
 
FOTOGRAFIA:
Julien Bossé
 
SUONO:
Abdoulaye Adamou Mato
 
MONTAGGIO:
Karen Benainous
 
MUSICA:
Dominique Peter
 
PRODUTTORI::
Ousmane Samassekou,
Erik Winker,
Clara Vuillermoz
 
PRODUZIONE:
Point du-Jour International,
Les films du Balibari,
Corso Film,
ARTE France, 
Production Tabous (NE),
Al Jazeera Documentary (QA)
 
CONTATTI
contact@andanafilms.com
 
ZINDER di Aicha Macky
Zinder è la seconda città del Niger nel cuore del Sahel, dove sopravvivere è una sfida quotidiana. Sono soprattutto i giovani a soffrire la mancanza di un possibile futuro, specie chi vive nelle zone più povere ed è condannato ai margini. È qui che crescono le gang, le chiamano “Palais” e ne fanno parte i ragazzi di Kara Kara, suburbio di Zinder, che già dalle sue origini è stato bollato come una sorta di “ghetto” – era, infatti, il quartiere in cui venivano relegati i lebbrosi e le persone socialmente più disagiate – ed è uno dei centri principali delle gang, ragazzi che cercano una risposta alla loro rabbia e alla miseria. Aicha Macky, regista e attivista nata a Zinder, torna nel suo Paese per dare voce alle loro storie in una prima persona che nasce dalla relazione tra lei e chi accetta di farsi filmare; un rapporto complesso, specie per una donna, vista la prevalenza maschile che fonda questo mondo e le sue regole. È costruito su una reciprocità, nella geografia spaziale e dei corpi, tra le strade e le cicatrici fisiche della violenza che hanno vissuto, che è ovunque e ha radici antiche, ancorate nell'epoca della colonizzazione.
È dentro questi confini non tracciati che ciascuno dei protagonisti si fa personaggio e assume una presenza che rompe l'anonimato mediatico: c'è chi come Siniya Boy, che fa parte della gang “Palais Hitler”, sogna  di aprire un'agenzia di sicurezza; e chi invece, come Bawa, che oggi guida un taxi, continua a essere tormentato dal passato. Ognuno va avanti come può tra commerci illegali come il contrabbando di benzina con la Nigeria o mestieri saltuari. In questo paesaggio a più voci affiora una realtà restituita senza retorica né vittimismo.

Aicha Macky (Zinder, 1982) dopo il master in sociologia inizia gli studi di cinema, il mezzo a suo avviso più democratico per la capacità di raggiungere un alto numero di persone anche analfabete. Frequenta l'African Documentary Film Forum a Niamey e poi l'università Gaston Berger a Saint-Louis, in Senegal. Nel 2011 realizza il suo primo cortometraggio Moi et ma maigreur a cui segue Savoir faire le lit (2013). Nel 2016 esordisce nel lungometraggio con L'arbre sans fruits –  premiato in tutto il mondo –  nel quale, attraverso la propria esperienza, esplora il tabù dell'infertilità femminile in Niger. Macky è stata anche ambasciatore per Oasis Niger e dal 2021 è tra le promotrici della Yali Film School Fellowship, un progetto che intende costruire con le donne una comunità creativa.

GUARDA IL TRAILER
 
SEZIONI
 >
2021 2020 2019 2018
FILM DI APERTURA FILM DI APERTURA CONCORSO CONCORSO PROSPETTIVE PROSPETTIVE
FUORI CONCORSO FUORI CONCORSO AMOS VOGEL AMOS VOGEL TEATRO SCONFINATO TEATRO SCONFINATO
EUROPA 2021 EUROPA 2021 FILMMAKER OVER FILMMAKER OVER FILM DI CHIUSURA FILM DI CHIUSURA