EN
FESTIVAL INTERNAZIONALE DI CINEMA DAL 1980
27 NOVEMBRE - 6 DICEMBRE 2020
FUORI CONCORSO
 >
2020 2019 2018 2017

CITY HALL

Stati Uniti, 2020
HD, colore, 275'
v.o. Inglese
 
REGIA:
Frederick Wiseman
 
FOTOGRAFIA:
John Davey
 
SUONO:
Frederick Wiseman
 
MONTAGGIO:
Frederick Wiseman
 
PRODUZIONE:
Zipporah Film
 
PRODUTTORI:
Frederick Wiseman,
Karen Konicek
 
CONTATTI:
info@zipporah.com

GUARDA IL TRAILER
 
CITY HALL
Frederick Wiseman ama la sua città, Boston, si capisce da come ne filma le strade, i grattacieli, la luce dell'oceano, le case più antiche di mattoni rossi. Ma non è per comporre un'elegia turistica che il regista ha girato per la prima volta nei luoghi dove è nato – con l'eccezione di Near Death (1989) che però si concentra unicamente sul reparto di terapia intensiva del Beth Israel Hospital. Ciò che racconta City Hall è l'importanza delle istituzioni democratiche americane messe in pericolo nell'era della presidenza Trump a cui Wiseman contrappone il discorso politico del sindaco democratico di Boston, Martin Walsh – rieletto nel 2017 – che si fonda su due punti: resistenza e comunità.
Da qui Wiseman procede nel suo racconto, entra nella City Hall, il comune della città, segue i lavori dell'amministrazione, le discussioni sui problemi che riguardano Boston e l'America tutta: sanità, istruzione, i reduci di guerra e le loro difficoltà di reinserimento, il rapporto tra polizia e cittadini, i matrimoni gay, l'emergenza abitativa. Tutte questioni di fronte alle quali la priorità di chi amministra la cosa pubblica a Boston sono il rispetto e l'inclusione dei cittadini, perché questo è l'esercizio della democrazia che per esistere deve essere allenata.
Democrazia e comunità sono temi che ritornano nei film di Wiseman – da Public Library a In Jackson Heights. Stavolta però il regista si concentra su una persona, il sindaco Walsh; attraverso il suo fare mette in campo il proprio discorso sull'America oggi, confermando la cifra di un cinema sempre in relazione con la realtà, politico ma senza dogmi.
 
Frederick Wiseman (Boston, 1930) è uno dei più importanti autori del cinema documentario. La sua vasta filmografia indaga la società americana a partire dalle sue istituzioni, pubbliche e private: scuole, ospedali, musei, biblioteche, prigioni. Con Titicut Folies (1967) ottiene la consacrazione internazionale. Nel 1970 fonda la Zipporah Film per distribuire i suoi documentari che lo portano anche fuori dagli Stati Uniti – come Sinai Field Mission (1978) o National Gallery (2014) sullo storico museo londinese. 
Nel 2014 la Mostra del Cinema di Venezia gli ha consegnato il Leone d'oro alla carriera, e nel 2016 gli viene conferito l'Oscar alla carriera.
In Jackson Heights ha vinto l'edizione 2015 di Filmmaker che a Wiseman ha dedicato la prima retrospettiva italiana, nel 2000, col titolo: “Paesaggi umani. Il cinema di Frederick Wiseman”.
 

 

SEZIONI
 >
2020 2019 2018 2017
FILM DI APERTURA FILM DI APERTURA CONCORSO INTERNAZIONALE CONCORSO INTERNAZIONALE PROSPETTIVE PROSPETTIVE
FUORI CONCORSO FUORI CONCORSO CORRISPONDENZE CORRISPONDENZE TEATRO SCONFINATO TEATRO SCONFINATO
FUORI FORMATO FUORI FORMATO FILMMAKER MODERNS FILMMAKER MODERNS PROSPETTIVE FUORI CONCORSO PROSPETTIVE FUORI CONCORSO