EN
FESTIVAL INTERNAZIONALE DI CINEMA DAL 1980
27 NOVEMBRE - 6 DICEMBRE 2020
CONCORSO INTERNAZIONALE
 >
2020 2019 2018 2017

PETIT SAMEDI

prima italiana
 
Belgio, 2020
HD, colore, 75'
v.o. Francese
 
REGIA:
Paloma Sermon Daï 
 
FOTOGRAFIA:
Frédéric Noirhomme 
 
SUONO:
Thomas Grimm-Landsberg 
 
MONTAGGIO:
Lenka Fillnerova 
 
PRODUTTORE:
Sébastien Andres, Alice Lemaire 
 
PRODUZIONE:
Michigan Films 
 
CONTATTI:
info@michiganfilms.be

GUARDA IL TRAILER 
PETIT SAMEDI

È una bolla fuori dal tempo e dallo spazio “comune” quella in cui vivono Damien e sua mamma Ysma in un piccolo paese della Vallonia. “Faccio una vita a parte” dice l'uomo alla sua psicanalista: ha appena cominciato a vederla perché vuole riuscire a sconfiggere la dipendenza dall'eroina che lo affligge da più di vent'anni. Con sua madre ha un rapporto intenso, di profondo amore ma anche questo è una forma di dipendenza: in qualche modo il loro legame perpetua e riproduce le dinamiche in cui Damien si sente intrappolato, quella bolla dentro la quale è impossibile esercitare la propria volontà. Ysma si preoccupa se non vede il figlio troppo a lungo, lo cerca, insieme parlano della situazione, dei problemi di Damien, di un futuro di libertà che si sposta sempre di un giorno più in là. Ma è come se tutto si fosse fermato dentro un momento sulla linea del tempo, diventato eterno - forse gli anni della giovinezza in cui è cominciata la dipendenza di Damien, che sembrano non passare anche in tutto ciò che circonda lui e la madre: curriculum scritti a mano, il mangianastri su cui l'uomo ascolta le registrazioni della sua infanzia, la tv a tubo catodico sulla quale Leonard Cohen recita i versi di una sua canzone: “I'm held in the chains of my secret life” - sono prigioniero delle catene della mia vita segreta. Una vita osservata dalla regista Paloma Sermon-Daï, che però ne è anche parte: è la sorella di Damien, pur non condividendone il cognome che dà il titolo al suo film: “I piccoli Samedi” era infatti il soprannome dato in paese a lui e ai suoi fratelli quando erano bambini, in un tempo mai diventato passato.

Paloma Sermon Daï (Namur, 1993) ha studiato all' Athénée Royal Jean Tousseul di Andenne, ed è laureata in tecniche cinematografiche alla Haute École Libre de Bruxelles Ilya Prigogine. Esordisce nel 2017 con il cortometraggio Makenzy, il racconto di due bambini in una giornata di primavera.
 

SEZIONI
 >
2020 2019 2018 2017
FILM DI APERTURA FILM DI APERTURA CONCORSO INTERNAZIONALE CONCORSO INTERNAZIONALE PROSPETTIVE PROSPETTIVE
FUORI CONCORSO FUORI CONCORSO CORRISPONDENZE CORRISPONDENZE TEATRO SCONFINATO TEATRO SCONFINATO
FUORI FORMATO FUORI FORMATO FILMMAKER MODERNS FILMMAKER MODERNS PROSPETTIVE FUORI CONCORSO PROSPETTIVE FUORI CONCORSO