EN
FESTIVAL INTERNAZIONALE DI CINEMA DAL 1980
27 NOVEMBRE - 6 DICEMBRE 2020
CONCORSO INTERNAZIONALE
 >
2020 2019 2018 2017

EL AÑO DEL DESCUBRIMIENTO

prima italiana

Spagna, 2019
HD, colore, 210'
v.o. Spagnolo

REGIA:
Luis López Carrasco

SCENEGGIATURA:
Luis López Carrasco

FOTOGRAFIA:
Sara Gallego

SUONO:
Alberto Carlassare
Jorge Alarcón

MONTAGGIO:
Sergio Jiménez Barraquero

PRODUZIONE:
Luis Ferrón
Luis López Carrasco
Pedro Palacios
Daniel M. Caneiro

CONTATTI:
OFF ECAM promocion@ecam.es

GUARDA IL TRAILER

EL AÑO DEL DESCUBRIMIENTO

1992, in un bar di Cartagena, centro industriale nel sud della Spagna, le persone discutono di quanto accade nella regione. Sono i giorni delle proteste contro la chiusura delle fabbriche e dei cantieri navali, un disagio fortissimo che culmina, il 3 febbraio, nell'incendio del Parlamento regionale, un atto molto forte, e in netto contrasto con l'immagine di modernità e allegria che il Paese ha cercato di darsi nell'ultimo decennio, dalla fine della dittatura franchista. E che i due appuntamenti chiave di quello stesso anno, le Olimpiadi e l'Expo di Siviglia hanno sottolineato con grande enfasi. Nei discorsi al caffè però i sentimenti sono molto diversi: non c'è trionfalismo ma paura, incertezza, esasperazione, diffidenza, perdita di qualsiasi fiducia verso il futuro. Una ragazza racconta che dorme un'ora a notte, lavora sempre ma guadagna pochissimi soldi e vive nel precariato più assoluto; la notte ha paura di tornare a casa, il suo è un quartiere “a rischio” dove dominano spacciatori e prostituzione, se sei una donna, dice, le macchine si avvicinano, gli uomini pensano di poterti comprare. Altri spiegano di non avere denaro neppure per la spesa, altri ancora hanno perso il lavoro, sanno pure che probabilmente non ne troveranno uno nuovo. Alla politica credono poco, delle istituzioni non si fidano più, troppe promesse vuote: è il '92 o è oggi? A partire dall'evento simbolico dell'attacco al Parlamento, Carrasco costruisce il suo lavoro sulla memoria che diviene la chiave d'accesso per ragionare sul contemporaneo. Usando lo split screen in un'immagine che restituisce l' “aria del tempo” mette in scena una sorta di “agorà”, uno spazio della democrazia nel quale ogni cittadino/personaggio trova la sua voce, e opinioni e generazioni diverse possono coesistere per illuminare da una “distanza” storica il nostro tempo.

Luis López Carrasco (Murcia, 1981) è filmmaker, scrittore e artista. Nel 2008 ha fondato insieme a Javier Fernández e a Natalia Marin Sancho Los Hijos, un collettivo di cinema sperimentale. Il primo film realizzato dal gruppo è Los materiales (2010) definito dalla critica spagnola uno dei dieci migliori film “invisibili” dell'anno. 
Nel 2013 Carrasco firma da solo El futuro, in cui ritorna agli anni Ottanta, alla fine del franchismo e al 1982, alla sera della vittoria socialista, presentato e premiato in moltissimi festival. Il successivo cortometraggio Aliens (2017) viene presentato al Festival di Locarno.
 
SEZIONI
 >
2020 2019 2018 2017
FILM DI APERTURA FILM DI APERTURA CONCORSO INTERNAZIONALE CONCORSO INTERNAZIONALE PROSPETTIVE PROSPETTIVE
FUORI CONCORSO FUORI CONCORSO CORRISPONDENZE CORRISPONDENZE TEATRO SCONFINATO TEATRO SCONFINATO
FUORI FORMATO FUORI FORMATO FILMMAKER MODERNS FILMMAKER MODERNS PROSPETTIVE FUORI CONCORSO PROSPETTIVE FUORI CONCORSO