EN
FESTIVAL INTERNAZIONALE DI CINEMA DAL 1980
16 NOVEMBRE - 24 NOVEMBRE 2018
CARTA BIANCA A LUCA GUADAGNINO
 >
2018 2017 2016 2015

Piso pisello

mercoledì 21 novembre

SPAZIO OBERDAN
17.00 
In collaborazione con CSC-Cineteca Nazionale
 
Italia 1981
35 mm, colore, 103’
v.o. Italiano
 
REGIA:
Peter Del Monte
 
SCENEGGIATURA:
Peter Del Monte, Bernardino Zapponi
 
INTERPRETI:
Luca Porro, Fabio Peraboni, Valeria D'Obici, Alessandro Haber, Eros Pagni, Leopoldo Trieste
 
FOTOGRAFIA:
Giuseppe Lanci
 
MONTAGGIO:
Sergio Montanari
 
MUSICA:
Fiorenzo Carpi
 
PRODUTTORI:
Anna Maria Clementelli, Silvio Clementelli
 
PRODUZIONE:
Clesi Cinematografica
 
CONTATTI:
CSC – Cineteca Nazionale
Piso pisello
Oliviero ha tredici anni e un figlio, Cristiano, detto Pisello, nato da un incontro amoroso con una donna più grande. Il piccolo cresce insieme ai due nonni ex sessantottini insieme al giovanissimo padre con cui condivide esperienze belle e amare.
“Un ragazzino abita con i genitori che attraversano una specie di regressione infantile quando le loro ideologie crollano. Lui è molto più maturo di loro, è una creatura che ha idee ben chiare. In questa famiglia composta da sopravvissuti arriva un’americana di passaggio, uno strano personaggio femminile che una sera finisce nel letto con il ragazzino … “. (Peter Del Monte)

Peter  Del  Monte (San  Francisco,  1943), studia  al  Centro  Sperimentale  di  Cinematografia  di  Roma  negli  anni  in  cui  era  diretto  da  Roberto  Rossellini. 
Il  suo  esordio  e  film  di  diploma  è  Fuori  campo (1969).  Nel  1973  gira  Le  ultime  lettere  di  Jacopo  Ortis,  trasposizione  del  romanzo  di  Foscolo,  e  nel  1975  Irene,  Irene.  Nel  1980  riceve  la  Menzione  speciale  della  giuria  alla  Mostra  del  Cinema  di  Venezia  con  L'altra  donna.  Dell'anno  successivo  è  Piso  Pisello,  storia  di  un  ragazzino  che  diventa  padre  a  13  anni.  Invito  al  viaggio  (1982)  è  tratto  dal  romanzo  del  1976  Moi,  ma  soeur  di  Jean  Bany. Nel 1985 realizza Piccoli  fuochi, che  vince  il  premio al Miglior  soggetto  originale  ai  Nastri  D'argento.  Giulia e Giulia (1987)  è  la  storia  di  una  donna  che  ha  perso  il  marito  nel  giorno  del  matrimonio;  l'anno  dopo  Del  Monte  gira  Etoile.  Nel  1990  dirige  Tracce  di  vita  amorosa,  presentato  in  concorso  alla  Mostra  del  Cinema  di  Venezia.  Compagna  di  viaggio (1996)  vince  il  Globo  d'oro  al miglior film.  Nel  1998  dirige  La  ballata  del  lavavetri  e  nel  2000  Controvento.  Al  Torino  Film  Festival  del  2007  viene  presentato Nelle  tue  mani. Il  suo  film  più  recente  è Nessuno mi pettina bene come il vento (2014).
 

 

SEZIONI
 >
2018 2017 2016 2015
FILM D'APERTURA FILM D'APERTURA CONCORSO CONCORSO PROSPETTIVE PROSPETTIVE
CARTA BIANCA A LUCA GUADAGNINO CARTA BIANCA A LUCA GUADAGNINO FUORI FORMATO FUORI FORMATO FUORI CONCORSO FUORI CONCORSO
FILMMAKER MODERNS FILMMAKER MODERNS FILM DI CHIUSURA FILM DI CHIUSURA FILMMAKER OFF FILMMAKER OFF