EN
FESTIVAL INTERNAZIONALE DI CINEMA DAL 1980
27 NOVEMBRE - 6 DICEMBRE 2020
Ricerca News
 >

Filmmaker #day1: l'apertura del Festival con Guerra e Pace di Parenti & D'Anolfi e le anticipazioni sul Concorso

GUERRA E PACE DI MARTINA PARENTI E MASSIMO D'ANOLFI APRE L'EDIZIONE NUMERO 40 DI FILMMAKER FESTIVAL

Si comincia! Sarà diverso dal solito, ma non per questo meno sentito ed emozionante. Dalle 14.00 di oggi, venerdì 27 novembre, potrai vedere online su MYmovies.it il film di apertura di Filmmaker Festival 2020Guerra e pace di Martina Parenti e Massimo D'Anolfi. Nel nuovo film della coppia di registi, presentato a Mostra del Cinema di Venezia, viene esaminata la guerra, il suo rapporto con l'immaginario o la sua “quotidianità” colta da una prospettiva trasversale. Passato, presente e futuro: dall'invasione della Libia a oggi. In che modo le immagini raccontano la guerra, o prendono parte a essa? 
 
I due autori, con il direttore del festival Luca Mosso e l'assessore alla Cultura di Milano, Filippo Del Corno, incontreranno il pubblico in diretta facebook e youtube alle ore 19:00
 
DAL FUORI CONCORSO, UN FILM COLLETTIVO DUE FILM MOLTO DIVERSI NATI INTORNO ALL'ESPERIENZA DEL LOCKDOWN
 
Covid Movies, il film coordinato dall’artista e docente Yuri Ancarani con gli studenti del corso di video arte del Triennio in Pittura e Arti Visive di NABA è un lavoro collettivo di reinterpretazione e racconto dell’esperienza del lockdown che raccoglie sguardi diversi su un mondo diventato all’improvviso estraneo in cui la solitudine in compagnia di una telecamera si trasforma in spunto creativo.
 
Mentre dalla Sicilia, Luca Guadagnino ci porta in viaggio con FIORI, FIORI, FIORI! A fine lockdown, il regista torna sull'isola e ritrova amici, luoghi, ricordi d'infanzia. Il risultato è un sorprendente e tenero diario intimo.
 
ANTICIPAZIONI E INIZIO DEL CONCORSO INTERNAZIONALE E PROSPETTIVE
 
Da domani, sabato 28 novembre, si entra nel vivo! Si apre il Concorso Internazionale con due film, Makongo di Elvis Sabin Ngaïbino, un'anteprima italiana in collaborazione con COE e FESCAAAL, e Purple Sea di Amel Alzakout Khaled Abdulwahed.
Nel primo, un esordio alla regia, seguiamo Albert e André, Pigmei Aka della Repubblica Centrafricana, nella loro battaglia per il diritto all'istruzione, quasi una lotta contro i mulini a vento in una realtà ormai globalizzata. 
In Purple Sea, Amel Alzakout, artista siriana, naufraga su una barca di scafisti con cui cercava di arrivare in Europa. In acqua la sua telecamera continua a filmare i corpi in attesa della salvezza tra le onde gelide.
 
E insieme al Concorso internazionazionale, comincia anche Prospettive, il Concorso dedicato agli italiani under 35. Il recupero della memoria è al centro di Il secondo principio di Hans Liebschner di Stefano P. Testa. Chi è Hans Liebschner? E perché i suoi “home movies” si trovano in un mercatino?