EN
FESTIVAL INTERNAZIONALE DI CINEMA DAL 1980
12 NOVEMBRE - 21 NOVEMBRE 2021
Ricerca News
 >

Filmmaker #day6: il Concorso internazionale con Faya Dayi di Jessica Beshir / Prospettive per gli under 35

 FAYA DAYI IL “DREAM STATE”  DI JESSICA BESHIR NEL CONCORSO INTERNAZIONALE
 

Pluripremiato e accolto come uno dei film dell'anno, dall'esordio al prestigioso Sundance al Gran Premio di Visions du Réel a Nyon, Faya Dayi arriva in anteprima in Italia (mercoledì 17 novembre, ore 19.30, cinema Beltrade). La regista, Jessica Beshir, nata in Messico e che oggi vive a New York,  ritrova l'Etiopia delle sue origini dopo molto tempo, ma lì tutti sembrano oggi  voler andare via sognando un'altra vita al di là del mare. In questa realtà imprigionata nel sentimento di una continua attesa, il tempo appare sospeso, accordato anch'esso agli effetti del khat, nel passato l' erba sacra ai Sufi che permetteva il contatto con Dio, ora fonte di guadagno per l’intera zona. 
Nel flusso del bianco e nero le storie si sovrappongono, i giovani e la loro irrequietezza, gli anziani e le loro memorie in un narrazione dall'effetto immersivo. Un film  “in trance” - come lo ha definito il “New York Times” – e insieme critico, mistico e di lucida documentazione del presente.
 
 
 
GUARDA IL TRAILER

GUARDA L'INTERVISTA AD AÏCHA MACKY
questa sera in Concorso con ZINDER (cinema Beltrade, ore 19.30)
 
PROSPETTIVE CON MARTINA MELILLI, ALICE RE, TOMMASO DONATI
 
Sullo smartphone, senza vedere alcuna immagine, seguiamo il percorso dall’inizio alla fine del cibo via app: dall'ordine  alla cucina del ristorante, poi il tragitto sulla bici del rider, fino alla consegna. Due minuti nelle strade di Parigi e si mangia. Affidandosi al suono per tracciare i passaggi, Martina Melilli in J'ai faim racconta la schizofrenia in cui ci hanno immersi le piattaforme digitali tra la totale soppressione dei rapporti umani e l’equiparazione di un lavoratore a un oggetto.
 
Stupore e meraviglia invece sono i sentimenti che attraversano Nel paese delle meraviglie della giovanissima regista Alice Re, nato del corso “Una città da guardare”, tenuto da Mauro Santini con studenti della sezione “Audiovisivi e Multimedia” del Liceo artistico Mengaroni di Pesaro. Qui gli umani sono solo comparse nei riflessi di un vetro o di uno specchio, mentre animali, fiori, piante e sassi  si animano e dialogano. 

GUARDA IL TRAILER
 
L'epoca geniale prende il titolo da un libro di Bruno Schulz in cui lo scrittore polacco si interrogava sulla possibilità di un’epoca che vedeva l’intero genere umano tornare bambino. Tommaso Donati reinterpreta liberamente  le parole di Schulz nel movimento e negli esercizi affrontati dalle bambine e dai bambini di una scuola di circo, alla prova della fatica e delle difficoltà, cogliendo i loro slanci nello spazio e le loro espressioni felici.
 
GUARDA IL TRAILER
 
 
  
 

CI VEDIAMO AL FESTIVAL!


ARCOBALENO FILM CENTER // CINEMA BELTRADE

ACQUISTA IL TUO ABBONAMENTO > CLICCA QUI

 

FOLLOW US